*

Il piacere di superarsi annullandosi,
tuttavia esiste un carattere
oscura una scrittura,
rimane nella testura.
Il presentimento della piccola
morte decide la vita affettiva
comanda:”aprite!
a profondità perduta
sciamano e enigma di Lascaux”

*

com’è strano allontanare
qualcuno per andare avanti
il dolore porta rametti remoti
fili per intrecciare gabbie
e accudire passeri
dagli occhi tristemente vuoti,
infossati, eppure dotati
di una seconda vista,
veggenti tenaci come erbe
folli che crescono tra le pietre.

*

un respiro d’innocenza
e disubbidienza
tiepido sulla guancia.
Un coro furioso di ramoscelli,
inoffensivi questi miei pensieri
di rosario o ravanello,
piante antiche arretrate in alto,
La memoria è un frutto  
interamente pervaso
da un desiderio di lotta

amore, morte e mito

contro ghiandaie
di gesti e parole

*

Lo zero lungo la linea
dell’orizzonte è una goccia 
perduta d’opale, un vuoto
di forma e di luna, dico.
Profumi amari, verdi,
di aloe e mare cingono
l’isola di bruma, altri dolciastri,
di cloroformio, cullano
un’ora mutilata, l’assenza
sembrerebbe un intento,
un’onda volta a rimuovere
i nostri passi e noi uniti 
un tempo per mano.

*

e l’ammucchio con lo sguardo,
la raccolgo in seriche setole, forse
ciglia questa polvere di terra
verde pigmento, cresce
l’albero nella natura pulsa
la stella, tra vuoto e un fuoco
un fondo, le onde, è tutto
andare in una densità di nero
con la radice confitta al suolo.
Dove risuona cerchio e quadrato
trovo quattro petali rossi di loto
e un’acqua che gira in sciame.
  

*

Questa è solo un’allusione
senza volto
il ruggito
delle onde non carezzano
il nostro debole.
I muti gabbiani, reclusi,
non ritornano. Tutto è come
se ardesse di un purpureo
a due epoche come un archeologo
che beva, un vino
dal coccio di un vaso.
Crudele con più
indifferenza cresce
un pensiero criminale.
Chiedo ragione muto
geroglifico, natura.