Sparendo nel mercato

Il comignolo di mattoncini rossi,
levando un fumo morbido,
sigla un compromesso gentile
tra la presenza umana e la natura,
il momento preciso di silenzio
sullo spartito dell’aria,
un respiro necessario al di qua del vetro;
tra me e la campagna, la ferita
di una strada,
la marcia stridente degli autotreni
agli ordini dell’economia;
fermo i ritmi,
per un giorno dimentico
le miserie e i processi chimici
che mi riducono
a logiche semplici,
sospendo la digestione che questa
società converge,
poi sparisco nei succhi di un mondo
che mi inorridisce sempre più .

stilla dopo stilla

Se il poco di me che rimane
libero dai piccoli ingaggi quotidiani
si raccoglie in un corpo sfinito
la sera, ciò che mi insegna la forza
il giorno dopo è la caparbietà
nella nervatura delle tue mani,
la fierezza con cui orienti la tua
figura magra malgrado gli attacchi
della terapia agli arti, ti tengo
così negli occhi,
con la stessa maestosità dei cipressi
nel rigore tremendo del mese di febbraio

praticare atti regolari di rivoluzione

praticare atti regolari di rivoluzione

Come per coltivare
una sommessa rivoluzione
contro la razionalità,
la mano sospende

il rigore dei meccanismi,
ne provoca
l’inciampo definitivo,decreta
la fine delle ostilità.

Si guarda al vuoto di una crepa
come all’unico testimone
del passaggio veloce
del tempo sulla superficie

delle cose, eppure, le stesse,
rappresentano le scelte
e la sintesi della
vita che le chiude

nel buio
di una soffitta,
sopravvivono testarde,
restandone l’unica memoria.