fermasti dunque il paesaggio
nel vento delle foglie-fiume,
le nostre teste quel poco
oblique per unirsi, le erbe
disuguali all’ombra di un orlo.
Risolvemmo così l’esatta
disposizione della luce,
il capriccio di una nuvola

Annunci