guardava l’orlatura dorata dei petali
sugli alberi liberi di crescere, i colori
della sfioritura come un sapore troppo
maturo del frutto, nella memoria serbando
il corpo addomesticato di certi arbusti,
provando compassione per i piccoli arti,
uguali, secchi, costretti in un’esclamazione
di terrore, una o sulle bocche dei poveri
stami coltivati come quella delle creature
curate, un po’ come lei, le sue righe nere
sulle unghie e la giovane peluria bianca
sulla nuca: un pulcino implume !

Annunci