Se Dio sedesse su questa sedia
forse farebbe un clamore d’ombra
sulla parete, se Lui lasciasse i cieli
si potrebbe scorgerne l’impronta
ma in questa luce pallida io resto 
ad ascoltare la musica nelle canne, 
la fiamma mancata nel candelabro, 
la voce di ogni oggetto respinto