E’ un onore immenso essere tra le voci di blanc de ta nuque ed è una gioia infinita questa bellissima nota di lettura di Stefano Guglielmin . Grazie per avermi accolta sul tuo blog che seguo da tempo. Grata.

“La poesia di Emilia Barbato ama i dettagli, ma per farne subito emblemi della vita già stata, della vita che lascia le proprie tracce in quei fulgori ed è già malinconia. L’elencazione ne dice la sostanza, che il ritmo mette in movimento verso il futuro, pur conservandone, nelle scelte lessicali, i tratti funerei. Queste soluzioni sono evidenti nel primo testo presentato, con l’aggiunta di un procedere analogico, che si attenua nel secondo, in nome di un preziosismo descrittivo volto ad estetizzare ed eternizzare il femminile messo in scena. Soluzione forse in debito con lo stesso Vittorio Bodini citato nella terza poesia, nella quale elencazione e gusto per un ritmo sincopato s’intrecciano di nuovo. E così a seguire, sempre tenendo a mente la lezione del simbolismo a cavallo tra Otto e Novecento, per il quale poesia e musica sono sorelle, a dipanare la foresta dell’esistenza, per riconsegnarcela in un intreccio sonoro, dove il mistero della felicità si tramanda di generazione in generazione come qualcosa che abbiamo sfiorato, ma non adesso e non qui.”

Continua: https://golfedombre.blogspot.com/2018/11/emilia-barbato-inediti.html?showComment=1543401501773#c4865731032626541844