dunque si bagnerà il foglio nel filo
rosso, verdeggeranno i muschi nelle mani
e le foglie crepiteranno sotto passi
di una pioggia fine, passi non tuoi.
Luccicheranno gli occhi e conterò
le diottrie mancanti cercandoti,
versando e centrando unicamente acqua,
un prato bianco solo mio, cresci insieme
a draghi, castelli e milleuno fantasie,
le mie battaglie per ogni cellula distrutta,
ora di corvi e medicine e piccole bambine
le teste, i peli del pube, delle braccia
e ogni cosa cadrà, ogni cosa che è stata
ora è una baia dove nudi strisciano
i paguri e vuoti gusci suonano
al suolo tra bocche di vento

Annunci