chiedi al croco in prestito la memoria
dei suoi stimmi e all’eliotropo
quel colore chiaro su cui si stendono
ombre e trasparenze e colma
la lunga assenza della materia,
la parola è un fossile, lo scheletro
di un suono che si ripiega in un cerchio
d’osso, un’essenza vuota di zafferano

Annunci