Tu non ci sei, taci,
l’ennesimo che attecchisce
disinteressato, che segue
altre orbite, tu che non m’appartieni.
Come un satellite gibbosa nel silenzio
cresco uno sguardo torvo,
lo punto sui comignoli prossimi
all’inverno tremando nelle piume remiganti
e nella madre luna che riflette
sopra il mare calmo della sera
un lucore algido.

Annunci