E niente Massimo Botturi rileggo ancora e mi dico “sono io quella” e mi pizzicano gli occhi, poi penso, lui dice essere uno spaccato di luce in un mare di ombre e ci resto sospesa e felice. Grazie. La rileggerò mille volte, tutte le volte che avrò paura di cadere, tutte le volte che sentirò di essere banale, ogni volta che la penna o le dita resteranno ferme sul foglio bianco. Allora, in quei momenti sarai la forza necesessaria per rialzarmi. Io ti sono grata

massimobotturi

Non ho gli strumenti del colto, del letterato. Posso usare semplicemente quelli di un lettore, un lettore appassionato e curioso, se non propriamente sempre attento e puntiglioso. Ecco, con questo approccio mi accingo a scrivere di Capogatto.
Comincio col dire che ho chiesto aiuto a una matita, per sottolineare, cosa che faccio raramente, ciò che ritenevo il fulcro o la sostanza trainante di ogni singolo testo.
Non una parola è in più, o fuori luogo nel libro, nemmeno nelle parti più prosaiche che tra l’altro, racchiudono un’eleganza formale impeccabile, senza cadere mai nella leziosità o nella freddezza. Il cuore è onnipresente, inteso come partecipazione dolorosa, sofferta, a tratti rabbiosa; alla fatica di un’esistenza che non cessa mai un attimo di chiederci conferme, prove, coraggio, atti di eroismo.
La parola inverno ricorre spesso in Capogatto, come se la necessità di raccontare un periodo “congelato” spingesse la poesia, la nutrisse con la…

View original post 382 altre parole