*

​Sempre più primordiali, 
induriti dalla salsedine, scuri, nodosi,
agiti dall’energia dei venti, 
così aspri ora, noi vinti e coperti di arbusti,
selvatici come lavanda bruciata,
lambiti dal mare, dalle increspature degli stagni, 
percorsi da un ritmo ancestrale di canneti, 
dalla forza magica dei nuraghi, 
un ansito lontanissimo ci chiama dalla terra,
un’idea inalterata di origine,
mistero e identità di isola, 
ombra nera di vecchie femmine.

17 pensieri riguardo “*

      1. Lo avevo intuito, che si trattava della Sardegna, l’ho visitata purtroppo molto velocemente anni fa ma quel tanto che basta per avvertire il fascino unico di questa terra. Mi piace molto come scrivi. Ti ho riscoperta ed ho intenzione di seguirti con maggiore assiduità. settimana a te

      1. Dove sei di preciso in Sardegna? In questo momento una mia sorella si trova a Santulussurgiu

      2. Mi dicono che è molto bello e ricco di tradizioni, però io lì non ci sono mai stata. Ora cerco sulla carta geografica i luoghi da te nominati. Ciao

  1. La meraviglia non è mia ma della terra in cui soggiorni, della sua anima e della sua armonia: Il mondo è di chi lo vuole, il cielo di chi l’ottiene.
    Ciao Emilia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...