*

avremmo dovuto restare incomprensibili,
segreti e un po’ dimenticati come I nomi
di quelle locande remote che interrompono
la campagna, essere lenti, intorpiditi,
fitti come muschi sul legno,
avremmo dovuto amarci con gli occhi,
insinuarci lentamente nelle clavicole,
avanzare piano, molto piano, con le dita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...