in seno alla regolare interruzione
della luce dei finestrini della metro di fronte
a quella in cui viaggio s’annida
una costante secondaria
in cui rallento, l’ombra violacea
degli occhi tuoi torna come il frutto
carnoso di un ginepro,
la bocca come un’eccitante pineta.