l’uomo venuto dal mare

e ancora inavvertite infelicità
– un piccolo convegno assiepato
nella cavità toracica silenzioso
come un’efflorescenza –
lo spoglio paesaggio della marea,
il florilegio di pratiche devote, di garriti
famelici che squassano
il castello tra i detriti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...