lasciami qualcosa, magari
l’incredulità di un prato di papaveri
venuti a sorprendermi supina,
con la testa riversa,
lo sguardo fisso,
scrivimi qualcosa, anche una breve
carezza tra i capelli
sciolti lungo il pontile.

Annunci