nello spazio inarticolato
della pagina innalzo un pontile,
la discesa sulla terraferma
è condotta in suoni rauchi,
incorporei, le parole si disperdono
sulle onde; come tutto diventa quieto,
nient’altro che la maniera
semideserta di questo pomeriggio.