Autunno

scriverti il mio autunno
in un pomeriggio che perde calore,
nelle sue foglie brune
che si lasciano cadere
con la stessa malinconica maniera
della luce, dirti della mia voglia
e della paura di sorprenderti
mentre mi leggi una poesia
che dica casa e tornare spaventatissima
alla disperata rassegnazione
della luce che percorre
l’assito di questa stanza vuota
alle cinque, riprendere
quindi tra le mani questo pomeriggio
e svolgerlo,  dimenticando
tra i minuti la tua bocca e le mie fantasie.

6 pensieri riguardo “Autunno

  1. “disperata rassegnazione”… bel sintagma… e sopratutto è una poesia priva di quella specie di sadico vittimismo che cogli talvolta i poeti che mettono a nudo proprie inquietudini o amarezze… La “tensione poetica” si mantiene bene per tutto il pezzo. Il finala poi è intenso, una perla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...